mercoledì 11 febbraio 2015

Valentine's Risotto

San Valentino è alle porte ho pensato di deliziarvi proponendovi una ricettina a tema.
Sento già le voci scettiche: "Ehi, ma non sei quella che odia cucinare e soprattutto detesta le ricorrenze e manco si ricorda il giorno in cui si è sposata?"
Ok... ok... confesso: questa è una ricetta che mi ha fatto assaggiare Alice (in pratica la ricetta del risotto al limone) e che pochi giorni fa ho provato a riprodurre con qualche modifica personale (e le dovute conseguenze che vi narrerò alla fine del post).
Se vogliamo essere sinceri San Valentino non c'entra un beneamato cavolfiore, ma mentre ero lì che rimestavo mi sono detta:"Uh, ma guarda che colorino è venuto fuori... questo è il risotto dell'AMMORE!" Perché sì, anche in cucina sono una dannata psicopatica maniaca dei colori.

Dunque, bando alle ciance, ecco cosa vi serve per preparare il Risotto di San Valentino!

DOSI per 2 PERSONE
1/2Limone
1/3 cipolla rossa
1 dado e relativo brodo
1 po' d'olio
180gr di riso (quale riso? ma quello che avete in casa, è ovvio!)
Parmigiano o altro formaggio a piacere

Tagliate finemente la cipolla rossa
Spremete mezzo limone in un bichierino e mette dentro il succo la cipolla rossa. Con l'acido del limone, la cipolla da rosso bordeaux-viola dovrebbe diventare di un bel "rosso-rosato": ecco il colorino a cui mi riferivo!
Fate un soffritto con l'olio, il succo di limone e la cipolla.
Versateci dentro il riso, fatelo tostare e poi aggiungete pian piano il brodo in modo che venga assorbito dal riso... se sapete fare un normale risotto siete a cavallo (lo dico perché io invece ho ancora problemi di base).
Fate cuocere il riso secondo i tempi di cottura indicati nella confezione, aggiungendo alla fine un po' di parmigiano per mantecare.
Quando sarà pronto... servitelo in tavola!
Il risotto dovrebbe aver assunto un bel colorito rosato, con qualche pezzo di cipolla a mo' di scagliette di cuore!
Il piatto perfetto per la vostra cenetta romantica!

Eh? No dico: non sono talmente dolce da farvi venire il diabete???
No. Ecco, ora vi spiego cosa ho fatto io con la ricetta sopra indicata: non l'ho seguita. Ecco il perché di molti miei fallimenti culinari: non sono capace a seguire le ricetta, c'ho il rifiuto, mi annoia.
Dunque che ho fatto?
Ho aggiunto la cipolla che tutto sommato è il nocciolo della "tintura alla San Valentino", e fin qui tutto bene. Ho lasciato da parte la scorza grattugiata del limone che invece nella ricetta tradizionale del risotto al limone ci va... ma non potevo ingiallire il mio risottino rosa, vi pare?
E poi... poi ho messo il succo di TRE limoni.. anziché mezzo. Tre limoni per 2 persone.
Il risultato è stato un obbrobrio di acidità, che a mr.Fedo sono venuti i lacrimoni. E no, non di commozione.
E ad ogni forchettata era come dare un morso ad un limone intero, immaginate la goduria!
Altro che risotto dell'Amore...

Ecco, ora capite che quando dico di essere una frana in cucina non lo faccio per modestia.
Però se NON fate come me e vi attenete alle dosi della ricetta, forse potrebbe uscirvi qualcosa di buono.


21 commenti:

  1. Ahahahah.. in effetti mi sembrava un post poco Clyo ma poi sul finale ti ho ritrovata subito.. ahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vedi, non mi smentisco mai! XD

      Elimina
  2. Sempre attenersi alle dosi. Mia madre ha il tuo stesso problema e si lamenta sempre di come mai certi piatti proprio non le escano come previsto XD

    Per me San valentino è l'occasione di uscire a cena con la Dolce Metà e basta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, non è nella mentalità di un artista seguire delle istruzioni senza stravolgerle un po'! Comunque è da anni che voglio scrivere un post sul mio rapporto in cucina, ma non mi decido mai...

      Elimina
  3. Ahahaha, dai dai, per San Valentino puoi riprovare!! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ecco, già non mi piace festeggiare queste cose, ma proprio rovinare di proposito una giornata con la mia cucina non mi sembra il caso.

      Elimina
  4. ahaha oddio ho i lacrimoni pure io :)
    Comunque secondo me nessuno segue proprio alla lettera una ricetta no?
    Magari però le variazioni si possono fare più cautela, chessò sostituire il limone con l'arancio, aggiungere qualche spezia o erbetta profumata....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Angela, in realtà non ricordavo quanto ne avesse usato la mia amica e ho pensato di dover riempire il fondo della pentola con il succo di limone... per fare un bel sughetto, no? XD
      No, ok... non ho proprio mezze misure in cucina!

      Elimina
  5. Certo che la cipolla per San Valentino Clyo... :D
    Comunque quando vengo a trovarti te ne porto una cassa visto che il mio paese è famoso per le cipolle rosse (non è Tropea) , così puoi perfezionare la ricetta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che me lo fai notare... la cipolla per i "romantici" proprio non va! XD
      Ma sai che anche questo è il paese delle cipolle?... nel senso che più di cipolle, patate e cavoli qui non cresce null'altro... sigh...

      Elimina
  6. Ottima idea! Lo faro' questo San Valentino, poi vi faro' sapere! :D

    PS ho riso molto :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margherita, evviva! Nel caso chiedi consiglio ad Alice... non a me! ;-D

      Elimina
  7. In effetti quando ho visto che stavi pubblicando una ricetta, dati i racconti sulle tue abilità culinarie, ero un po'perplessa XD
    Io a san valentino miro a farmi portare fuori a mangiare, muahahahaha! Magari però a cena o la domenica potrei fare il risotto (che però ammetto essere un mio punto debole in cucina).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, non lo faccio apposta! Di solito comunque il risotto mi viene bene, ma ci sono anche stati dei casi in cui sono riuscita a farlo essiccare nella pentola e metterci un chilo di sale dentro... per cui devo sempre essere preparata al peggio!

      Elimina
  8. Ma anche tuuu! Tre limoniii! :°D
    Io le ricette non le seguo neppure, però ho occhio generale per le dosi per fortuna... certo una volta ho scaraventato un sacco di sale sull'insalata e ancora ho i brividi, ma che ti devo dire, dettagli! :°D
    Tornando alla ricetta non so immaginarmi la commistione di limone e cipolla! Chi lo sa, magari un giorno lo proviamo!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo che il gusto di limone non si sentisse abbastanza e che dovessi annegare il riso nel succo per farlo venire bene... dettagli! ;-D
      Provalo con le dosi giuste, non dovrebbe essere male!

      Elimina
  9. Ahahahahah...è stata una cena rivitalizzante e ricco di...vitamina C! Ahahahah...mitica Clyo!

    RispondiElimina
  10. Sono un gran fan dei risotti, sopratutto quelli con la salsiccia, ma qualche volta un amico ci ha cucinato il suo "risotto sunshine" che è fatto con succo di limone e arance, moooolto buono :O
    I limoni comunque mi hanno salvato la vita più volte quando ho mangiato troppo o non ho digerito, faccio una limonata calda con 2 limoni e un po' di acqua e il mio stomaco resuscita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece pensa che Mr Fedo non ama molto le limonate perché una volta è stato male bevendone una è da allora il solo odore lo nausea. Il limone come n gradiente invece riesce ancora a sopportarlo, per fortuna

      Elimina
    2. Che brutta cosa, praticamente per lui funziona al contrario :O Eventualmente per digerire nei momenti di super mangiate, si possono anche fare infusi di liquirizia

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...